mercoledì 21 marzo 2007

La primavera dell'impiegato

E' arrivata la primavera anche qui.
Qui al canile c'è voglia di ridere, di scherzare, di abbaiare festosi ad ogni macchina che passa per la strada, ad ogni squillo del telefono. I rumori di trapano che sentiamo provenire dal seminterrato non ci disturbano, anzi sono simpatici diversivi. A pranzo si chiacchera festosi. Si lanciano idee. Proposte di andare al centro commerciale in pausa pranzo. Non sembra così male, e poi o quello o niente. Le impiegate hanno vestiti leggeri, gli impiegati i capelli tagliati di fresco. Qualcuno è già abbronzato. Le Lampade UVA già splendono.
Qualche starnutino, ad indicare che ci si veste già leggeri anche se non sarebbe ancora il tempo. Il cibo della mensa è buono, i sapori più freschi, la frutta più colorata. C'è già chi pensa di pranzare con un gelato. Scattano le diete. Da lunedì.
Si organizzano riunioni. Nuovi ospiti che parlano nuove lingue. Primavera international.
Si parla già di ferie estive. Scattano le prime ansie dove andrò-con chi-prenoto il volo-sento gli amici. E prima ancora, ventagli di possibilità per il ponte del primo maggio. Primo maggio su coraggio che è quasi estate. Intanto, il capo va in ferie per una settimana e noi ci freghiamo le mani. Si fa gruppo. Gruppo di cazzeggio.
Qualcuno ci chiama per fare colloqui. Qualcuno che ha deciso di rispolverare quel vecchio CV inviato mesi fa. Decidiamo di andare, chissà che roba è. Chi si ricorda.
Gli allegati che ci mandano i colleghi sono meno noiosi del solito. Basta con le catene sull'amicizia, con le stronzate sugli uomini. Si ride con la "Telenovela Piemontese" di MaiDireTV. Si ride davanti al PC fregandosene di chi ci sta davanti.
I nostri blog sono meno accartocciati su loro stessi, si aprono leggermente al mondo esterno. Piccoli accenni di speranza, l'auto-referenzialità è roba invernale. Quasi quasi meglio una passeggiata che aggiornare. La patina dell'inverno spazzata via dai template, che sbocciano con una nuova grafica.
La noia è sempre in agguato, brutta bestia. La scacciamo dandoci da fare. Ci preoccupiamo di far vedere che siamo indaffarati. E' primavera: l'immobilismo non è concepibile. L'eterno mestiere di far apparire ciò che facciamo più impegnativo di quel che è. Roba che non si insegna. Roba che si impara col tempo. A questo proposito, ho visto cose che mai avrei creduto.

Etichette:

 
Di Tengi |

15 Commenti:

  Alle 11:12 AM Anonymous maldive ha fatto una pausa per dire:
ahaahah, verissimo...mai farsi vedere con le mani in mano, c'è il rischio che ci venga affibiato un lavoro impossibile.
IO, ad esempio, sto fingendo di battere una lettera da circa mezz'ora mentre scrivo post e commenti. Ma ho la faccia seria ed impegnata...
  Alle 11:47 AM Blogger Mattia ha fatto una pausa per dire:
e il risveglio dell'ormone? ^^
  Alle 11:57 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Ah, dimmelo tu...
  Alle 12:35 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
il risveglio dell'ormone dove lo mettiamo? in ogni cosa che ci ha descritto la brava tengi.. ogni cosa della primavera è piena di ormoni... e quando si dice che non ci sono più le stagioni significa che c'è un casino di ormoni incomprensibile.. ci sono quelli ammuffiti che ancora svolazzano, quelli freschi che scalpitano, quelli storici che devono esserci anche solo per contratto.. ma la neve e il gelo di ieri che fanno? bloccano tutto sul nascere? no, non ce la faranno almeno per queste splendide giornate di sole evviva il sole!!!
  Alle 12:51 PM Anonymous PlacidaSignora ha fatto una pausa per dire:
Quali cose? ;-*
  Alle 12:54 PM Anonymous Akai ha fatto una pausa per dire:
Buongiorno Collega, ti leggo sempre e ribadisco che adoro il tuo scrivere...Riesci a carpire tutte le sfumature (e gli spigoli) delle bestie da ufficio...Io ormai oltre alla pazienza ho perso anche l'ispirazione...Ma cerco di riprendermi...E tu brava, continua così!!! Coraggio, Akai
  Alle 1:06 PM Anonymous whiteymack ha fatto una pausa per dire:
La primavera dell’impiegato è la primavera di città… povera primavera… la natura dell’uomo, nell’uomo è più forte di qualunque cosa, anche della bruttura della città. Basta un po’ di sole, da guardarsi dalle finestre oscurate dei lugubri uffici, e un po’ di venticello che nonostante tutto l’inquinamento e le carriole di polveri sottili, ha dentro un che di diverso: l’aria di primavera. Ma qualcuno di voi ha nella Memoria l’arrivo della primavera lontano dalla città e dai suoi palazzoni? Io si. Nonostante qui ci sia nato. E la nostalgia è enorme. Là fuori, via di qui, la primavera è Primavera. È la rinascita. Di tutto. Le gemme le vedi ovunque, non solo sugli alberi. E si ricomincia l’Eterno Gioco, quello della vita. Avete voglia di star fuori all’aperto? Ma quale aperto? Al Parco Solari, ai Giardini di Porta Venezia? O là, in bici, dove i campi non hanno fine? Dove non c’è fine al Viaggio anche se un Sogno cade?
  Alle 1:45 PM Blogger Captain's Charisma ha fatto una pausa per dire:
Sarà che sto su un altro pianeta, ma io mica l'ho visto tutto sto fermento ;)
  Alle 2:11 PM Anonymous Paolo ha fatto una pausa per dire:
E' primavera e come tutti gli anni i colleghi mi rompono le palle su cosa faccio per avere il fisico scolpito. La mia risposta è sempre la stessa: mi devasto 4 volte alla settimana in palestra e la prova costume non sarà mai positiva se tutti loro si mettono a dieta 3 mesi prima semplicemente mangiando meno dolci.
  Alle 2:52 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
E' la prima volto che sento un uomo parlare di prova costume!!!

Anche io ho gli addominali a tartaruga...nel senso che ho la pancia rotonda..come il guscio!
Baci

Brian
  Alle 3:08 PM Anonymous LCL ha fatto una pausa per dire:
Oddio. Non vorrei intasare il bel blog della Tengi con commenti su palestrati e scolpiti pronti alla prova costume...ma in ogni caso, preferisco le baklava della fidanzata turca a casa sua alle sedute devastanti in palestra e tenermi quella tenera pancetta da 30enne impiegato.

E poi, diciamocelo, con tutto l'ormone che in primavera è nell'aria mica c'è bisogno della "tartaruga"!
  Alle 4:28 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
LA TELENOVELA PIEMONTESE !!!!
Fantastica !

Da segnalare le quinta puntata dove il padre porta il futuro marito della figlia a putt.. ops! a 'peripatetiche' !!

Da premio oscar!

Ciao, tempeste ormonali a tutti !
  Alle 7:24 PM Anonymous Iso ha fatto una pausa per dire:
Il problema della priamvera è che la sente anche The Big Boss..così, come se fossi il suo colf tascabile da ufficio, quasi il suo coltellino svizzero mille usi, mi ha fatto tirare fuori dall'armadio quei simpatici fascicoli rimasti in formalina tutto l'inverno..ma le tarme non la mangiano sta cazz* di carta?Evidentemente la schifano pure loro..beh, lì dentro ci sono i problemi più irrisolti ed oscuri di tutta l'azienda..Se ci abbiamo messo 4 mesi a tirare fuori i cadaveri un motivo ci sarà no? In ogni caso evviva la primavera!!!!!!!
  Alle 12:21 AM Anonymous Barbara23 ha fatto una pausa per dire:
"Si ride con la "Telenovela Piemontese" di MaiDireTV."

- Dimmi che sono il tuo baluba.

- Oh, sì! Sei il mio baluba.

- Uba, uba.

...

Momenti magici.
  Alle 9:08 AM Blogger Marci ha fatto una pausa per dire:
Tengi ... ma io non ci posso credere! Qua in California non ho mai visto un lavoro del genere! Mi sono guardato la "Telenovela Piemontese" su youtube.com ... mai riso così tanto! Sei proprio una baluba! Potevi dirmi qualcosa! Questa è davvero volante!