martedì 27 febbraio 2007

Pezzi Musicali

Secondo appuntamento con Le Interviste d'Ufficio: alla ricerca dei fantomatici "altri" mestieri. L'ospite di oggi è una ragazza simpatica e carina, reduce da un Toga Party. Il microfono è settato, la base è pronta, cominciamo.

Ciao.
Ciao a tutti i lettori di Pezzi.
La prima domanda, come sai, è di rito: che lavoro fai?
Lavoro per una società che organizza eventi e progetti musicali, e che si occupa tra le altre cose di produzione esecutiva di dischi, comunicazione, marketing, progetti pilota da proporre alle case discografiche…
Una tipica attività che svolgi?
Per molte iniziative rivesto il ruolo di "project manager": mi occupo di tenere sotto controllo i costi di preproduzione, studio di registrazione, vitto e alloggio per i musicisti…
Wow! Tratti coi musicisti?
Si, in pratica sono la loro badante. Sono io che assegno loro i budget di spesa, e li tengo sotto controllo affinché non esagerino. Devo essere taccagna e pignola.
Con che tipo di persone hai a che fare quotidianamente?
Psicolabili. Dalla manager della comunicazione di grandi multinazionali con la fobia per i pesci al discografico dai gusti "particolari", passando per tutte le tipologie di musicisti o interpreti dalla personalità border-line.
Descrivi te stessa nel tuo ambiente lavorativo.
Amo paragonarmi a un funambolo in equilibrio su di una corda che cerca in ogni istante il modo corretto di riequilibrare l'asta per non cadere nel precipizio.
Parlaci di questi famigerati discografici, vuoi?
Oh, si! Sono gli esseri peggiori del mondo. Se hanno bisogno di qualcosa ti lisciano per farti sentire in obbligo di riconoscenza e ottenere ciò che desiderano; se hai bisogno tu di qualcosa li devi pregare in ginocchio. Sono avari. Sono avidi. Son proprio delle merde. Ti rispondono sempre: "vedremo" "ci penso", ma in realtà vogliono dire "no". E anche se ti dicono "si", con ogni probabilità intendono "no". L'ho imparato col tempo.
Che criptici. Tra artisti, manager e discografici, qual è la categoria peggiore?
I discografici tutta la vita. Un manager intelligente è in grado di capire l'artista e non lo snatura spingendolo a fare cose che non gli appartengono. I discografici invece sono dei diavoli: pur di promuovere un artista te lo venderebbero anche spalmato sul pane, in nome della visibilità a tutti i costi.
Poveri artisti, geni indifesi…
E' l'entourage che dovrebbe difenderli. Spesso capita che gli artisti giovani, che non hanno l'esatta concezione di se stessi e della loro musica, vengano montati dalla casa discografica. E così accade che agli studi di registrazione dove lavoro arrivino dei pischelli di 25 anni in Mercedes, nuovi idoli del pop italiano, e che scendano dalla macchina con le mani avanti per evitare qualunque domanda, il viso fasciato da occhiali scurissimi. Oh bimbo, qui in studio ci sono le foto di Vasco Rossi, e tu chi sei???
Nei tuoi studi incontri anche ragazzi alle prime armi?
Si, certo! E si assomigliano tutti: tipologia alla Beavis and Butthead, per intenderci, storditi ai massimi livelli. Scena tipica: si presenta il classico adolescente con la chitarra in spalla che non ricorda chi tra gli amici abbia prenotato la sala… non si ricorda neanche il cognome dell'amico, abituati come sono a chiamarsi tutti per soprannome! Però devo dire che son "genuini". A parte gli stronzi che spengono le cicche sotto il tappeto della sala prove, certo.
E cosa suonano?
Classico repertorio della formazione a 5: U2, Queen, Deep Purple, Guns 'n' Roses. Presente gli strilloni che urlano "Desiiiiiireeeee"?
Ricordo, ricordo. Chi è per te il "vero" artista?
Il vero artista secondo me lo riconosci solo davanti al pubblico. E' colui che ha l'appeal per dominare davvero la platea. Una caratteristica di chi ha fatto molta gavetta, che non si ritrova nei tanti "prodotti" sfornati delle case discografiche.
Genere musicale preferito?
Sono onnivora: ascolto funky, cantautori come Paolo Conte, musica indipendente per motivi di lavoro ecc..
Definisci la musica indipendente o "indie": si tratta solo di musica senza portafoglio?
No, è davvero stilisticamente indipendente dalla musica mainstream. Gli artisti indie sperimentano i suoni, e fanno riferimento ad artisti sconosciuti ai più: non guardano a Mogol, ma a parolieri come Umberto Bindi per esempio. E' come se fossero nati su un loro pianeta.
E' più importante il lavoro che svolgi di giorno o le Public Relation che coltivi la sera alle feste?
70% sicuro è dovuto alle PR, anche di più.
E come funziona?
Niente, dopo il lavoro vai agli aperitivi nei locali frequentati dagli addetti ai lavori, chiaccheri con tutti e cerchi di intessere relazioni, scovare opportunità.
Quindi sei sempre sotto i riflettori, dalla mattina alla sera?
Si, in un'ostentazione perenne di piume di pavone, soprattutto se il tuo ambiente di lavoro è frequentato da discografici.
Qualche trucco per essere sempre in forma?
L'orario "clou" si attesta intorno alle 5 del pomeriggio: poco prima mi ritiro in bagno, mi dò un po' di correttore per mascherare le occhiaie, mascara, bevo un sorsetto della birra del fonico che fa le guance rosse e toglie l'inibizione, e vai di "sciaoooo". E si tira fino a mezzanotte tra musicisti, manager, registi di video…
L'evento più strano che hai organizzato?
Una gara culinaria musicale a squadre per eleggere la migliore polpetta, con tanto di giuria di esperti. E' stato uno stress unico: nel caos infernale, i cuochi coi loro problemi logistico-culinari, gli invitati che volevano solo mangiare a sbafo, gente impazzita che ti colpiva al volto per una polpetta, e il mio capo in delirio di onnipotenza. A mezzanotte ho finto una colica e sono scappata. Si sono divertiti solo quelli che hanno passato la serata e bere e farsi le canne in un angolo. Come sempre.
Una tua idiosincrasia?
Il capo che fuma in ufficio.
Vorresti urlare quando…
Il collega giovane scoreggia a 30 cm da me e fa finta di nulla restandomi accanto. Cazzo, siamo in due nella stanza, se non sono stata io è chiaro che sei stato tu!
Che fetente. Com'è il tuo capo?
Genio e sregolatezza. Me ne combina una nuova ogni giorno. Una volta, dopo un aperitivo musicale, piglia la macchina per tornare a casa e si fa tutta la via in retro ai 120 all'ora. Ha distrutto l'auto nuova di un musicista che è uscito dal locale bestemmiando.
Oppure, capita che mi porti a prendere un caffè alle 9 del mattino. Lui si beve una birra media e nel frattempo mi spiega come si fa a capire se il bicchiere è davvero pulito dalla quantità di bollicine che si attaccano all'interno. Io lo liquido con un "interessante" mentre interrogo gli aruspici sul fondo del caffè.
Spesso perde gli aerei e, manco fosse un bambino, mi chiama dicendomi "fammi tornare a casa".
Una volta infine mi fa: "accompagnami a prendere una cosa"... mi sono ritrovata nel centro di Milano con un'ancora da 16 chili che mi sbatacchiava nel bagagliaio.

Per finire mia cara, una carrellata Juke-Box. Indicaci qual è secondo te il disco ideale per un primo appuntamento in orario di aperitivo.
Gothan Project "Lunatico"
Il disco ideale per la prima cena al ristorante.
Mario Biondi "Handful of Soul".
Il disco per i primi baci in macchina.
Qui andrei sul genere indie … i Non voglio che Clara.
Il disco per approcciare la prima notte insieme.
Un classico energetico. U2, "Achtung Baby".
Il disco giusto per affiatate notti di sesso.
Barry White, senz'altro. Il suo "Best Of".
Sottofondo per una passeggiata insieme sui Navigli.
Vinicio Capossela, "L'indispensabile".
E se si è appena stati mollati?
Da non ascoltare, i Subsonica. Potresti arrivare a mettere le mani in faccia a chi ti ha mollato.

Etichette: ,

 
Di Tengi |

57 Commenti:

  Alle 12:09 PM Blogger La F®anca ha fatto una pausa per dire:
Miiii ma queste interviste sono meglio delle Invasioni Barbariche, e secondo me la Tengi è anche meno lesgnosetten della Daria. ;)
  Alle 12:22 PM Anonymous whiteymack ha fatto una pausa per dire:
Ottima intervista, Tengi , cara. Livello elevato, sia delle domande che dell'intervistata. Rende proprio bene l'idea, in profondità e particolari riassuntivi ed esplicativi, di quel mondo senza troppe regole e con troppa panna montata che raccontate. Complimenti a entrambe. Luzzatone Fegiz se le sogna delle interviste cos', altrochè... Ne volete la prova: leggete il Corriere da domani in poi per 5 gg...
  Alle 12:45 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
concordo.. la Tengi è unica.. interviste, lettere, frasi.. sempre molto intelligenti e mai casuali. Per quanto riguarda il mondo descritto nell'intervista è in tema con il film che ho visto ieri "il diavolo veste prada". Il senso di tutto ciò che succede, di come vivono quelle realtà, di come le persone sono oggetti nel mercato della notorietà è detto dalla protagonista ".. è così perchè tutti vogliono essere noi!". Fortuna che sono stonata (come molti cantanti)!!!
  Alle 12:54 PM Anonymous occhidaorientale ha fatto una pausa per dire:
Adovo le interviste della Tengi!
E complimenti alla alla deliziosa e stakanovista project manager (dai gusti musicali strepitosi... vedrò di recuperare i "non voglio che clara". *_* Sottoscrivo, i subsonica spesso istigano alla violenza ma quest'ultima, si sa, è catartica!).
Baci sparsi
  Alle 12:58 PM Anonymous Paolo ha fatto una pausa per dire:
Divertente ...

Potrò mai essere intervistato anch'io? :-)
  Alle 1:34 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Legnosa io mai, ha ragione Franca; il fatto è che siete troppo buoni.
Le interviste sono aperte a tutti, ovvio.
Grazie
  Alle 1:48 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
Grazie Whiteymack, grazie occhidaorientale e grazie a TENGI, senza di lei(ed i vodka sour al maracuja) questa intervista non sarebbe stata così interessante...

L'Intervistata
  Alle 4:21 PM Blogger Antonio ha fatto una pausa per dire:
Chiunque alla prima cena mi metta in sottofondo il disco di Mario Biondi, otterrà con sicurezza un risultato.
Che io bruci il numero di telefono su di una pira sacrificale, cambi città e mi faccia rimuovere un paio di neuroni per dimenticare l'accaduto.
  Alle 4:50 PM Blogger Captain's Charisma ha fatto una pausa per dire:
Madonnina Tengi, altro che le interviste delle Iene ;-) Paura davvero i gusti della tua amica...
  Alle 4:50 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Mi associo agli elogi.
Brava Tengi : 7+
E brava l'intervistata ...

Intervista interessante.
Parafrasando whiteymack conierei un bel "Luzzato Tengiz" !

Visto che si tratta di una PR e organizza eventi ...
Organizzate un evento per il tuo Blog, chissa' ....
(ovviamente con un buon tasso etilico)

E Tengi (e gli altri) che colonna sonora adotterebbe (ro) ?

A) Primo appuntamento in orario di aperitivo.
B) Prima cena al ristorante.
C) Primi baci in macchina.
D) Approcciare la prima notte insieme (preliminari?)
E) Affiatate notti di sesso.
F) Sottofondo per una passeggiata insieme sui Navigli.
G) E se si è appena stati mollati?

Poi tiriamo fuori il meglio e ci facciamo una compilation
da tenere sempre a portata di mano.

Io dico :

A) Rehab - ami winehous
B) Life is beautiful - Nicola Piovani / Noa
C) Heroes (Bowie) - Cover di Iva Davies
D) Summertime - (cover di Angelique_Kidjo)
E) accendo la radio su lifegate
F) Feeling Good - Nina Simone
G) Tutta la discografia degli "Afterhours"

p.s. per l'intervistata
Conosci Marco Castelli (cantautore) ?
  Alle 5:05 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Oh ragazzi i gusti son gusti: a me piace la trippa in brodo, per dirla tutta...

sore: Luzzato Tengiz mi piace un sacco!
O mio Dio: il punto C) non me lo dovevi dire... ma che ci conosciamo???

La piccola iena Tengi

P.S. L'evento per il blog mi intrippa parecchio, in un futuro chissà...
  Alle 5:19 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
Marco Castelli l'ho solo sentito nominare

l'intervistata
  Alle 5:28 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
sto cercando di compilare la mia lista... è più difficile di quanto pensassi...
  Alle 5:32 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Per l'intervistata (che brutto modo di dire) ...
Per Pierre (è un nick piu' simpatico, da pronunciare alla francese).

Il buon Marco Castelli è in gamba.
Ho avuto modo di consocerlo ad un
suo concerto.
Inoltre suona la batteria anche nei
"Mamagoose e i fiati pesanti", una blues band interessante (visti al blues house di sesto s.g. e al bloom di mezzago).

Da tenere d'occhio.

Poi dicono che non ci sono bravi musicisti in italia ...

ciao
  Alle 5:52 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
ottimo Sore, mi segno il consiglio.
per Antonio... beh i gusti sono gusti, il buon MarioBiondi sarà pure a SanRemo a duettare con Amalia Grè quindi occhio ad accendere la tv in quel momento..

l'intervistata
  Alle 8:01 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
ciao sore ecco la mia lista:

A) Kruder&Dorfmeister "The K&D Sessions"
B) Gothan Project "La Revancha del Tango"
C) David Bowie: "Space Oddity", "The man who sold the world", "Heroes" (e tante altre, perchè i primi tempi ci si bacia taaaanto)
D) "Wicked Game" di Chris Isaak
E) La musica mi distrae.
F) "Wuthering Heights" di Kate bush o - ancor meglio - nella versione degli Angra
G) "Bang Bang (My Baby Shot me Down)" di Nancy Sinatra
  Alle 8:38 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Interessante, Tengi ...

Però il punto E mi 'perplime' (!)

La musica puo' servire a coprire altre 'sonorità'.
I miei vicini l'hanno scoperto dopo un po'. Ogni domenica pomeriggio alle 16:00 in punto si davano alla pazza gioia.
Al che per segnalare il fatto in maniera simpatica gli ho messo a palla una musichetta degli squallor (la mattina dopo in garage
mi salutavano ancora, che bravi).
Bene, ho finito di masterizzarmi lo 'svarione degli anelli'. Devo scappare a casa di amici per la serata cinefila. Alla prossima.
ps : funziona la mail del tuo blog ?
  Alle 11:27 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Più cinofila che cinefila, direi.
La mail funziona, ma non rispondo io, bensì il mio alter ego simpatico.
  Alle 8:29 AM Anonymous Commesso a pezzi ha fatto una pausa per dire:
Polpette, scorregge, e ancore...UHM,...una project manager a 360 gradi!
Complimenti a Tengi e un saluto all' intervistata.
  Alle 9:03 AM Anonymous Commesso a pezzi ha fatto una pausa per dire:
...a proposito: chi sarà la prossima vittima? In merito avrei un suggerimento cara Tengi: Avvocatessa in erba, e posso garantire che sarebbe 100% divertimento assicurato (con tutti quegli aneddoti che già mi sono sentito raccontare!). Se la cosa t'intriga il contatto ce l'ho io.
  Alle 9:35 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
la cosa m'intriga e m'intigna. organizziamo a Milano, bevuta + intervista, vieni anche tu. Se po' fa?
  Alle 9:37 AM Blogger FulviaLeopardi ha fatto una pausa per dire:
il mitico toga party da animal house?
  Alle 9:52 AM Anonymous Commesso a pezzi ha fatto una pausa per dire:
Se pò fa sì...l'unica cosa, come ben sai, è che con me non bisogna avere fretta.
  Alle 10:16 AM Blogger Mattia ha fatto una pausa per dire:
Vado diretto con gli album ad hoc. Anche se sono piu' per playlist multiple.

A) Primo appuntamento in orario di aperitivo.
B) Prima cena al ristorante.
C) Primi baci in macchina.
D) Approcciare la prima notte insieme (preliminari?)
E) Affiatate notti di sesso.
F) Sottofondo per una passeggiata insieme sui Navigli.
G) E se si è appena stati mollati?


A) "Brothers In Arms" Dire Straits
B) "Making Movies" Dire Straits
C) "Love Over Gold" Dire Straits
D) "Unforgettable Fire" U2
E) "Machine Head" Deep Purple
F) Qualsiasi Album dei Blackmore's Nights
  Alle 10:16 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Fulvia: si, proprio quel Toga Party!
  Alle 10:16 AM Blogger Mattia ha fatto una pausa per dire:
scordavo la G.
Per quello basta dare un occhio al mio post di oggi :)
  Alle 10:19 AM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Bau
  Alle 10:41 AM Anonymous eus ha fatto una pausa per dire:
Le tue interviste sono uno spasso,molto piu' realistiche tra l'altro di quelle che si leggono altrove.

Concordo pienamente con te per la non scelta musicale per il punto E, ma per la passeggiata ci vuole assolutamente Perfect day di Lou Reed e per quando si e' mollati Smashing pumpkins e Paolo Conte.

Baci dolci
  Alle 11:03 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Grazie Eus, mi fa molto piacere.
Gli Smashing Pumpkins.... sssssi, anche se... ti tiri un po' le martellate sui cosiddetti...
  Alle 11:11 AM Anonymous eus ha fatto una pausa per dire:
Le martellate? Noooo!
Casomai le martellate le do io al mollatore al ritmo di AVA ADORE:-)
  Alle 11:23 AM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
Buongiorno Tengi, da giorni seguo questo blog e mi sto accorgendo che è come una "droga" desiderare di trovare spunti sempre nuovi, interviste diverse, chiacchere allegre e commenti deliziosamente intelligenti.. quindi aspetterò la tua prossima invenzione fingendo di lavorare nell'attesa.
ciao
  Alle 11:29 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
mannaggia mi carichi di una bella responsabilità! ma scusa, nell'attesa partecipa anche tu al giochino indetto da sore e stilaci la tua playlist! poi la commentiamo... baci
  Alle 11:46 AM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
mi spiace la mia ignoranza musicale sfiora il patologico. O forse non ho avuto molte occasioni piacevoli per dare un sottofondo musicale... ma fate pure come se io vi leggessi...
  Alle 11:52 AM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Giochino ?!!?
Non è un "giochino" ...
E' un vero e proprio sondaggio sociale dal quale si possono evincere i gusti,gli usi e costumi dei giovani (?) d'oggi.
E' un'alternativa elegante al classico "dieci motivi per cui vale la pena di vivere" (nella mitica versione del periodico satirico "Cuore").
Contribuite numerosi ...
  Alle 1:50 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Mannaggia : suvvia ... non soffocare la romatica che c'è in te.
Siamo nel mondo virtuale ... sfogati anche tu (ogni tanto fa bene).

Anche se, come dici, non hai avuto molte occasioni, non vuol dire
che sei una 'bistecca'. Tutti abbiamo bisogno di coltivare la
parte 'tenera' di noi stessi (si proprio quella nascosta dalla
corazza forgiata dalla vita).

Usa la tua immaginazione (come hanno fatto quasi tutti qui, penso).

A) Primo appuntamento in orario di aperitivo.
Immagina la frenesia della curiosità (la curiosità è donna, no?)
Non lo conosci e non vuoi fare brutta figura, quindi cerchi di
prevedere tutte le mosse come una partita a scacchi.
E' il primo impatto : non puoi fallire.
Palle! Sii te stessa e basta. Una donna sicura di se stessa ha un
fascino irrestibile.
Quindi ci vuole un ritmo costante ma deciso che esprima il
concetto : "Questa sono io : ti va bene ?" E poi gli lanci uno
sguardo languido (della serie "bastone e carota")

B) Prima cena al ristorante.
Il ghiaccio ormai l'hai rotto, potete rilassarvi.
Un motivo sereno, volume basso perche' adesso inizierete a conoscervi.

C) Primi baci in macchina.
Il ghiaccio ormai sta diventando bollente.
Adesso stai conducendo TU il gioco.
L'uomo, in quanto uomo, è attratto da te e non pensa piu' con il
cervello ma con il joystick che ha nelle mutande.
E' in tuo potere ... quindi un ritmo 'illusoriamente romantico'
preludio della passione che sta per esplodere.

D) Approcciare la prima notte insieme (preliminari?)
E qui ,mia cara, arriva il momento migliore.
Imamgina le sue mani che ti spogliano lentamente, il tessuto dei
tuoi abiti che scorre lentamente sul tuo corpo.
La sensazione delle sue dita che ti sfiorano su e giu' la schiena provocandoti
dei brividi dolcissimi... qui stop perchè arriva la censura.
Adesso è lui che deve portarti in orbita ...
Quindi una musica 'avvolgente', intrigante, calda ma non bollente.

E) Affiatate notti di sesso.
Beh! Qui ... è l'apoteosi.

F) Sottofondo per una passeggiata insieme sui Navigli.
Ora si fuma la cosidetta sigaretta... non fare l'errore di chiedergli
"A cosa pensi ?" : rovineresti tutto.
Guardalo nel profondo degli occhi e avrai la tua risposta...
Quindi musica serena, rilassata, lo tsunami della passione e' passato
e lascia lo scenario ad un tramonto sul mare...
Musica : lenta e consolatrice.


G) E se si è appena stati mollati?
Musica egoista e arrabbiata per ridarti le energie che hai buttato
Musica veloce perche' prima ti rialzi prima stai meglio.

Azzo! Ho scritto troppo. Chiedo scusa a tutti.
  Alle 2:05 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
non chiedere scusa, piuttosto sono io che comincio ad avere degli imbarazzi... questo blog sta diventando erotico...
e non che la cosa mi dispiaccia, anzi, per essere un blog nato per parlare d'ufficio... non è male come sviluppo!
Luzzato Tengiz
  Alle 2:05 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
Sore, magnifica...
mi piacciono i tuoi spunti, pensa proprio stasera esco a cena per la prima volta con un uomo (nel senso la prima volta con lui non la prima in assoluto). Essere me stessa? sempre anche troppo... non sopporto quando alla prima uscita chiedo consiglio sull'abbigliamentoe lui dice "vestiti come vuoi" fosse per me.. vai di jeans e scarpe da tennis! ma stasera ho evitato di chiedere consigli e quindi mi vestirò piuttosto bene, senza esagerare sennò mi stramazza prima del contorno! Facciamo così se per caso lui proporrà della musica io me la scriverò così in base alle scelte Voi esperti di musica potrete capire come è andata la serata! Finalmente a milano è tornato il sole..
  Alle 2:09 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
Sesso e ufficio.. beh una delle motivazioni che mi ha spinto a buttarmi sul lavoro era una di quelle famose "leggende metropolitane" che diceva che sul posto di lavoro ne succedono di tutti i colori. dopo 7 anni sono arrivata a questa conclusione: 1- ho sempre sbagliato azienda 2- succede a tutti tranne a me.. ahahah beh un po' di pepe non fa male, tengi, stai tranqulla il rispetto nei tuoi confronti ci impedirà di rovinare questo blog.
  Alle 2:16 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Tengi : chiedevo scusa per la prolissita' del mio intervento.
Però non son riuscito a trattenermi.
Erotico ? Che dirti ... "Un nickname, un destino" ... allo specchio!

Mannaggia : dal tuo post mi sembri gia' scoraggiata.
Dai, su. In quanto donna saprai sicuramente abbinare il giusto abbigliamento per il luogo dove andrai. Non ti devo insegnare nulla. Sii te stessa : a qualsiasi
costo. Vuol dire maturità. E quindi saggezza.
Un "in bocca al lupo".
  Alle 2:19 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
sore.. scusami avevo pensato tu fossi una donna.. tranquillo per lo scoraggiamento.. non sai quello di lui ahahha
  Alle 2:23 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
No, no! Sono un normalissimo ometto.
Di quelli con il joystick, per intederci :-))

Essere scambiato per donna ...
mi devo preoccupare ?
  Alle 2:42 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
non ti preoccupare.. qui dentro (nel virutale)tutti sono sè stessi e nessuno è umano. (tranne che in questo splendido blog)
  Alle 2:47 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
davvero mannaggia? trovi umanità qui?
e io che volevo una cosa arida, che rispecchiasse l'ambiente d'ufficio... :-)
  Alle 2:50 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
ma l'ambiete di ufficio è una cosa, le persone che lo animano un'altra. e visto che siamo in molti ad animare questo blog (non ti dispiace vero tengi?) mi spiace ma arido non può essere.. se poi white ci illuminasse....
  Alle 2:54 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Tengi :
E' vero.
Rischia di diventare un ufficio che raccoglie le cose aride della vita.
Dobbiamo essere un po' piu'
'bastard inside'.
La prossima volta che una donna
mi dice "Fammi sentire Donna!",
mi slaccio la camicia e le dico
"Toh! Stirala...."


A te le redini!
  Alle 3:08 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
no non rischia affatto l'aridità, è quello che volevo dire, finchè ci siete voi. :-)
e se qualcuno mi dice "fammi sentire uomo" gli metto in mano un trapano e gli chiedo di appendermi la mensola nuova...
  Alle 3:08 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
sore.. ma che donne frequenti? io al massimo chiedo ad un uomo (ma non parole) di farmi sentire quanto sia uomo (cosa che a livello mentale ed emotivo è sempre più difficile)
  Alle 3:18 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Tengi : ah, gia'! Ikea docet.
E poi dipende dall'uomo che te lo
dice ;-)

Mannaggia :
Ultimamente mi capita troppo spesso di conoscere la 'disperazione'. Escludendo le casistiche 'una botta e via', negli altri casi rimango demoralizzato dall'interlocutrice.
Vengo sommerso dai loro problemi.
Va bene ascoltare (e dicono che sono bravo in questo) pero', che diamine, non siete solo voi ad avere casini. Fateci parlare ogni tanto.

Ma forse stiamo uscendo dal tema principale. Proseguiremo, se vorrete la discussione, in altra sede.

Ufficio, Pezzi di Ufficio, è il nome del blog! :-))))

Un abbraccio.
  Alle 3:20 PM Anonymous McManus76 ha fatto una pausa per dire:
A) Brillante/Intellettuale: LOU REED e JOHN CALE, "Song for Drella"
B) Brillante/Romantico: il best of di SAMUELE BERSANI
C) Sospensione temporale: la soundtrack di "American Beauty"
D) Melodico ricercato: la soundtrack di "La mia vita a Garden State"
E) Concordo con chi pende sull'intrattenimento radiofonico.
F) Qui andrei sul classico. I concerti per piano di Rachmaninoff.

Invece per il punto G (che detta così sembra tutt'altra cosa), suggerisco a ragion veduta (e veduta di recente):

- IO ODIO / L'ERETICO / VIVOSUUNAMELA (sono un pazzo / vivo su una mela!!!!) tripletta al cianuro dei Bluvertigo

- BRUCIA TROIA di Vinicio Capossela (brucia troia / brucia troia / brucia troia / come io brucio per te!)

- NUMB ENCORE di Linkin Park and Jay-Z dalla soundtrack di "Miami Vice" (pura energia)

- FARO di Elio e le Storie Tese, finta love song che deflagra nella più lunga sfilza di "Vaffan..." che musica italiana rammenti
(La neve di maggio /Rimbalzava superba /Mentre io ramingo /Giostravo sul prato /Ricordo bene /Quando ti dissi /Con grande calma /Come Jucas Casella /Ma vaffanculo / Ma vaffanculo /Ma vaffanculo /Ma vaffanculo /Ma vaffanculo /Ma vaffanculo /Ma vaffanculo)

Metterli in loop nell'mp3 e la catarsi è garantita.
La nobiltà d'animo è merce sopravvalutata.
  Alle 4:05 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
sore..
hai scritto: Ultimamente mi capita troppo spesso di conoscere la 'disperazione'. Escludendo le casistiche 'una botta e via', negli altri casi rimango demoralizzato dall'interlocutrice.
Vengo sommerso dai loro problemi.
Va bene ascoltare (e dicono che sono bravo in questo) pero', che diamine, non siete solo voi ad avere casini. Fateci parlare ogni tanto..
la mia simpatia mi fa credere che tu abbia parlato a te stesso e non sia stato un commento fuori luogo nei miei confronti..
mi spiace ma devo lasciarvi, il sole mi attende... e milano con il sole è quasi stupenda.
ciao a tutti
  Alle 4:05 PM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
sore..
hai scritto: Ultimamente mi capita troppo spesso di conoscere la 'disperazione'. Escludendo le casistiche 'una botta e via', negli altri casi rimango demoralizzato dall'interlocutrice.
Vengo sommerso dai loro problemi.
Va bene ascoltare (e dicono che sono bravo in questo) pero', che diamine, non siete solo voi ad avere casini. Fateci parlare ogni tanto..
la mia simpatia mi fa credere che tu abbia parlato a te stesso e non sia stato un commento fuori luogo nei miei confronti..
mi spiace ma devo lasciarvi, il sole mi attende... e milano con il sole è quasi stupenda.
ciao a tutti
  Alle 4:13 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Mannaggia :
non hai motivo di preoccuparti.
Non era rivolto a te.
E non ho parlato a me stesso.
Il commento era rivolto a quelle persone che egoisticamente non sanno ascoltare.
Qui, per ora, mi sembra che invece ci sia molta attenzione a quello che diciamo.
Voleva essere una specie di confidenza ...
Ri-"in bocca al lupo" per la serata.
Ciao
  Alle 6:43 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
riassunto (con citazioni)
..nell'attesa partecipa anche tu al giochino indetto da sore
[non oso perché]..mi spiace la mia ignoranza musicale sfiora il patologico
Tanto per dire, tra i citati credo di aver sentito nominare: Nicola Piovani, Noa, Nancy Sinatra, Bowie (ovviamente, persino con il riconoscimento dei singoli pezzi), Dire Straits, U2, Lou Reed e Paolo Conte. Stop. Ah, no, anche Lou Reed e Bersani.

...E' un vero e proprio sondaggio sociale dal quale si possono evincere i gusti,gli usi e costumi dei giovani (?) d'oggi
Aaaaah... ecco... Lo sapevo che c'entrava l'età. Ora sono più tranquilla.

Per quanto riguarda l'intervista a un avvocato/essa, credo che sì, ne varrebbe la pena. Cito dall'esperienza di un amico:
Primo caso: arrestano un tizio perché aveva in tasca un coltello e l'avvocato in udienza esordisce dicendo "Anch'io ho dentro i pantaloni uno strumento che potrebbe farmi commettere diversi reati sanzionati dal codice penale, ma finché non lo uso non commetto alcun reato".
Secondo caso: pare che anni fa ci fosse a Roma un giudice che, terminata l'udienza, diceva agli avvocati: "ora mi riunisco in camera di cosiglio". Si voltava, apriva il suo armadietto e ci metteva dentro la testa (e qualche volta ne tirava fuori pure qualche buon provvedimento.
  Alle 9:43 AM Blogger FulviaLeopardi ha fatto una pausa per dire:
vogliam tengi al posto di daria!
  Alle 11:08 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
iniziate a sottoscrivere una petizione, chi lo sa...
baci
Tengi
  Alle 4:40 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
Si, probabilmente lo e
  Alle 4:41 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
good start