giovedì 15 marzo 2007

Un presidente operaio

Tutte le mattine, o quasi, il nostro Amministratore Delegato prende la navetta aziendale insieme a noi.

Lo vediamo arrivare da lontano, Lui, Figlio del Grande Burattinaio che tutto regge e tutto sa, mentre percorre con passo leggero la lunga banchina della metropolitana. Lui, che si è fatto Uomo allo scopo di scendere in mezzo a noi, sue percorelle smarrite, a indicarci la via.
E insolitamente sale sulla navetta, si siede vicino a noi, apre il giornale; e noi con stupore notiamo che le sue mani hanno vene, i suoi capelli hanno morbide increspature, il suo corpo ha consistenza materiale.
O gioia, o gaudio!

E quando c'è Lui nella navetta regna un'insolita ilarità: ciascun sottoposto si sente in obbligo di mostrarsi allegro e gioviale, si sente in obbligo di scherzare col compagno, alzando la voce. A dimostrare che il mondo che Lui ha creato per noi e nel quale noi viviamo, triboliamo, soffriamo e amiamo, è davvero ciò che sognavamo, l'Eden, la Terra Promessa.

Proprio ieri Lui ci ha raccontato la Parabola del pilota d'aereo.
Lui era seduto in mezzo a noi, e ha notato come la navetta fosse piena di impiegati, tanto che un paio di noi, contravvenendo alle regole di sicurezza, hanno dovuto sedersi per terra. Vedendo ciò, Lui ha rammentato un episodio della sua vita quando, da giovane, amava volare su piccoli bimotori. Durante uno di questi voli, vi erano delle persone costrette a sedere per terra. Alla fine del viaggio Lui scoprì che uno di questi uomini seduti per terra era proprio il pilota dell'aereo. Alla Sua preoccupazione per il fatto che proprio il pilota non fosse al suo posto, il pilota rispose con queste parole: "Ho lasciato il posto al mio secondo, affinchè impari a pilotare l'aereo senza di me al suo fianco."

Tutti noi Discepoli abbiamo annuito dopo aver udito questa parabola, perchè è cosa buona e giusta.
Eppure io, discepola di poca fede, so di avere il cuore colmo di dubbi.
O mio Maestro, mostrami la strada.
Il mio animo è angosciato, perchè ciò che osservo ogni giorno nel mondo che Tu hai creato per me mi porta a credere che in verità, ora e forse per sempre, di solo pane viva l'Uomo.

Etichette:

 
Di Tengi |

19 Commenti:

  Alle 10:18 AM Anonymous eus ha fatto una pausa per dire:
Tengi, attenta. Il delirio mistico e' l'inizio della fine. Se senti una voce che ti ordina di crocifiggere l'amministratore delegato e di attendere la sua resurrezione...NON OBBEDIRLE!
Piuttosto crea una setta agnostica nell'ufficio :-)

Baci mistici
  Alle 10:48 AM Anonymous mannaggia ha fatto una pausa per dire:
beh se il vero pilota era seduto non al suo posto, significa che il tuo AD in realtà si trova in un ruolo non suo e il tuo collega seduto in terra è il vero capo. come nel film svedere "il grande capo" dove il vero capo si nasconde fingendosi dipendente! non ci sono più i capi di una volta che per farsi riconoscere hanno l'uorologio sul polsino!
  Alle 12:04 PM Blogger Captain's Charisma ha fatto una pausa per dire:
Stacci attenta, da buon Lup Man avrà anche lui la poltrona in pelle umana e l'acquario per gli eletti...prepara il bikini ;)))))
  Alle 12:12 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
eus: sono alle cozze, dici?
mannaggia: grazie per l'interpretazione della parabola, era un po' criptica, in effetti.
capitano: "Direttore, vedo che la manca la triglia: posso?"
  Alle 12:22 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Cara Tengi qui si sta andando verso la saga fantozziana.

Avete anche il Calboni di turno ("Puccettone"), quello che in cordata si dava tante 'arie' ?

Magari il vostro Lup.Mann. gioca al casino' ? Chi sarà l'eletto ad accompagnarlo ?

E il Folagra ? Esiste anche da voi ?

Ciao Tengi / Sig.na Silvani
  Alle 12:27 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Son molto meglio della Silvani, almeno quello.
Anche noi abbiamo un sport preferito dalla Direzione, qui. Sport da vecchi, cui credo che non giocherò mai.
  Alle 2:01 PM Anonymous Sore ha fatto una pausa per dire:
Ma guarda che la Sig.na Silvani aveva il suo bel fascino :-)))

Comunque è vero. Le scene che hai descritto sono comuni a moltissime aziende.
La presenza dei capi in certe situazioni porta alla luce lo 'zerbino' che è insito nel dipendente (meglio conosciuto come zerbinismo).
La cosa piu' triste è che di solito la carriera è proporzionale alla quota di 'zerbinaggine' del dipendente.
Dopo l'effetto C, ecco l'effetto 'Z' :-)))
  Alle 2:14 PM Anonymous maldive ha fatto una pausa per dire:
Ohmiodddio!!
Tengi...ma da che pianeta viene questo qui???
  Alle 2:25 PM Anonymous La segretaria perfetta ha fatto una pausa per dire:
Il vostro amministratore delegato prende la navetta con voi comuni mortali?????????????? Davvero??!!!???
  Alle 3:04 PM Anonymous Paolo ha fatto una pausa per dire:
Oh sommo Amministratore Delegato, grazie di esistere.

Amen (in ginocchio)
  Alle 3:09 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Per Annalisa (se oggi passa di qui): grazie della segnalazione su PersonalitàConfusa. Baci
  Alle 3:14 PM Anonymous ge ha fatto una pausa per dire:
sbuff che stress ste reunion con i capi.
anch'io certe volte alla pausa caffè, col grande boss, devo fingermi simpaticissimo e sempre pronto a cogliere ironie e battute.
du' palle!!!

ge
  Alle 5:38 PM Anonymous Fede ha fatto una pausa per dire:
Buon'anima d'uomo...come minimo non avrà la patente e il padre, per punizione, gli avrà negato l'autista personale anzichè sculacciargli il sederino (eh, sì: perchè poi gli si arrossa!)
  Alle 5:51 PM Anonymous ilchicco ha fatto una pausa per dire:
A questo punto sono sicuro. Devi scrivere il libro "Pezzidufficio", sarà sicuramente un successone.

È talmente divertente e allo stesso tempo talmente reale quello che scrivi che non potrà essere altrimenti.
  Alle 5:52 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Mumble mumble mumble...
  Alle 7:29 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
@tengi:
1) prego, è stato un piacere/dovere;
2)Un libro è obbligatorio
  Alle 8:30 PM Anonymous 24frames ha fatto una pausa per dire:
Amen!
  Alle 9:09 AM Blogger FulviaLeopardi ha fatto una pausa per dire:
d'oh!
  Alle 9:44 AM Blogger Mattia ha fatto una pausa per dire:
crisi mistica? ;)