giovedì 7 giugno 2007

Idiosincrasie

Ufficio giovane e dinamico, intestino giovane e altrettanto dinamico. Non c'è bisogno di yoghurt alle prugne: qui da noi si va che è un piacere. Tra le altre cose, ci sono dei piccoli avvenimenti che mi infastidiscono. La tua è solo rabbia, rabbia da cattività forzata. Me lo ripeto, ma non posso fare a meno di provare irritazione. Quello dietro di me ha il vizio di alzarsi spesso dalla sedia per andare chissà dove. E' comprensibile. Ma il fatto è che accade sempre - e dico sempre- che cinque secondi dopo essere uscito rientri nella stanza con passo leggero perchè si è dimenticato qualcosa. Immancabilmente mi becca che leggo questo blog. Si sarà già chiesto cos'è questa schermatona verde di fronte a me? Spero non gliene importi. Io amo aprire la schermatona verde nei pochi momenti in cui gli altri si levano di culo. Perchè lui quando si leva di culo deve sempre fare la falsa partenza? Mi farà esaurire di questo passo. Potrei attenderlo sulla soglia e tirargli addosso ciò che dimentica.
Spero non colleghi che questo è il mio blog. Ho bisogno di sperare che sia stupido e non colleghi. Ma non è stupido il collega, e collega. Come se non bastasse, la sua erre moscia mi infastidisce. Ma la mia è rabbia, si sa. Non è reale. Non è di questo mondo.
Ufficio giovane e dinamico. Intestino giovane e dinamico. Sento un qualcosa. Mi frego le mani e mi dirigo verso il cosiddetto ufficio con il water. Finita la carta igienica. Perchè il cesso delle donne è sempre senza carta igienica? Fa nulla, ho i fazzolettini. Ma lo scarico è rotto: lo scarico-niagara scarica di continuo senza dare mai la scarica risolutiva, quella che porta via tutti i pensieri. Perchè il cesso delle donne ha sempre lo scarico rotto? Non posso rischiare. Esco e svolto verso la porta del cesso maschile. Maniglia bloccata. Occupato. Sei un bastardo. Risolvo di scendere al piano inferiore. Comincio a sentire una certa urgenza. Al piano inferiore non c'è nessuno. Entro nel bagno delle donne. Sono salva. Ma la porta non si chiude. Spingo forte ma nulla. Tiro una spallata ma nulla. Perchè non si chiude? Dovrebbe chiudersi, santiddio, non c'è ostacolo. Eppure non si chiude. Come mai non si chiude? E' davvero incredibile questo fatto.
Ho pensato troppo alla porta e senza accorgemene la situazione si è aggravata e l'urgenza è ora pressante. Esco e svolto verso la porta con l'omino coi pantaloni. Di nuovo il cesso maschile. Sorpasso due orinatoi a muro che destano la mia curiosità. Non c'è tempo di indagare. Entro. Mi chiudo dentro. Evvai. Un po' mi fa schifo il cesso dei maschi. Ma non c'è tempo.

Etichette:

 
Di Tengi |

18 Commenti:

  Alle 12:32 PM Anonymous waki ha fatto una pausa per dire:
il peggio è un ufficio stitico.
riesci ad immaginarlo?
  Alle 1:25 PM Blogger S.B. ha fatto una pausa per dire:
Donna fortunata !! In un ufficio con cotanti colleghi è impossibile essere sttici ! :-o
  Alle 1:32 PM Anonymous ge ha fatto una pausa per dire:
colleghi...;)
ADERITE ALLA CAMPAGNA:
CANCELLA IL NUMERO.
www.ge.milano.it

Ge
  Alle 1:58 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
caro ge. io faccio di meglio. io il numero non lo registro proprio.
in ogni caso ti chiedo: che fare se il numero lo cancelli ma ti rimane fisso in testa?
per fortuna che ho poca memoria...
  Alle 2:23 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
ECCHECAVOLO... COMPLIMENTI CARA TENGI!!!
FINALMENTE UNA BLOGGER SERIA.
INSOMMA I MIEI 4/5 BLOG DI FIDUCIA, GLI STESSI CHE MI PERMETTONO DI ARRIVARE ALLE 18,00 ED AFFRONTARE CON "CORAGGIO" IL LAVORO IN UFFICIO, OGNI TANTO MI ABBANDONANO E NON SO' PERCHE' DECIDONO DI NON POSTARE PER DIVERSI GIORNI... EH NOO NON SI FA' NON E' GIUSTO IO HO BISOGNO DELLA MIA FLEBO QUOTIDIANA...
MA TU NO TU FINORA NON MI HAI MAI ABBANDONATA!!! GRAZIE!!!
P.S. NON C'ENTRA BULLA CON QUESTO POST MA ERA UN PO' CHE VOLEVO FARTELO SAPERE.
Lor.
  Alle 2:27 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
ehm. ti ringrazio.
anche se io vivo il carattere maiuscolo come se mi gridassero in faccia delle cose.. per cui sono compiaciuta ma atterrita alla stesso tempo.
mi atterrisce soprattutto il fatto che ho creato aspettative di aggiornamento quotidiano...
baci
tengi
  Alle 2:39 PM Anonymous ciccio ha fatto una pausa per dire:
qui devo sempre far scodinzolare l'occhio, perchè ho la porta alle spalle e potrebbe sempre entrare il capo. poi c'è il collega spione, ma quello è imprevedibile. devo studiare come eliminarlo.
  Alle 3:06 PM Blogger Velenero ha fatto una pausa per dire:
Come se non bastasse, la sua erre moscia mi infastidisce.

Pensa che dopo aver letto questa frase, tutti i colleghi d'Italia con la erre moscia penseranno che la tipa che sta davanti a loro in ufficio sia la Tengi... :)
  Alle 3:14 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
fantastico.
  Alle 3:26 PM Anonymous LCL ha fatto una pausa per dire:
Spero che non sia così ogni volta che devi fare un download di dati di una certa quantità.

E comunque mi immagino quanto sia maggiore la soddisfazione, terminate le operazioni, dopo cotante peripezie!
  Alle 4:32 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Ma io credevo...
Non tieni aperto un documento mezzo iniziato di Word, o Excel? Non clicchi veloce come un lampo appena senti arrivare qualcuno? Non ti fai trovare con una paginata di documento mezzo iniziato?
Io, a casa, quando la prole vuole il computer, faccio così.
Fase uno: la Tengi.
fase due: passi vicini
fase tre: clic, lavoro su Word, cose serie, relazioni, eh, mica quelle stupidate di blog...

(nei gabinetti della nostra scuola sono sparite tutte le chiavi. però c'è la carta igienica. ci pensa personalmente il Capo)
  Alle 4:37 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
certo che lo faccio, ma il collega è lesto come una faina. e poi accidenti, a volte leggo cose interessanti e mi disinteresso del resto. massì, che lo scoprano.
mi emoziona saperti a casa intenta a buggerare la prole per leggerti Pezzi. sei un mito.
baci

p.s.perchè non ve lo leggete insieme? (meglio di no, che magari son piccolini... :-))
  Alle 5:37 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
@Tengi: no, sai, non è il tuo blog, che magari qualcosa posso anche farglielo leggere, e alla più grande anche tutto.
E' proprio Il Blog, come strumento malefico e di puro diletto, che non posso giustificare.
Immagina: posso preparare una cena a base di tonno, se devo finire la relazione finale, giusto?
Ma... posso riemergere dal mio antro con aria sofferente e preparare una cena a base di sofficini perché prima ho passato il pomeriggio a leggere La Tengi?
  Alle 6:19 PM Blogger Marci ha fatto una pausa per dire:
Come ti vedo nel cesso delle donne a dare spallate a una porta che non si chiude, mentre le vibrazioni da urto alimentano la spinta peristaltica e alla fine esausta e al limite dell'evacuazione gridare "FUUUCKKK!!!" Sei sempre la migliore! ;)
  Alle 6:34 PM Blogger SunOfYork ha fatto una pausa per dire:
io ho un'amica che mi chiede di tenerle la porta anche se la serratura funziona.
una volta dando una spallata alla porta del bagno di un eurostar perchè non si chiudeva, è rimasta bloccata dentro e anzichè scendere a bologna (dove le toccava scendere) si è ritrovata a pescara.
sono grossi traumi eh
ciao
soy
  Alle 6:52 PM Anonymous La segretaria perfetta ha fatto una pausa per dire:
Che schifo! Che schifo! Hai disinfettato tutto bene bene prima della "seduta d'ufficio" o ti sei presa qualche strana malattia???
  Alle 9:31 AM Blogger Captain's Charisma ha fatto una pausa per dire:
E perchè ti fa schifo scusa ? il cesso dei maschi è uguale a quello delle donne...
  Alle 10:05 AM Anonymous McManus76 ha fatto una pausa per dire:
IL CESSO DEI MASCHI E'UGUALE A QUELLO DELLE DONNE????????????????
AHAHAAHAHAHAHHHHAAHAHHAHAHAHA

Per qualche bizzarro retaggio medievale incastonato senza possibilità di agio nel loro cervello, gli uomini si ostinano a urinare eretti invece che seduti: l'ingestibilità dello spargimento di liquidi è corollario ineludibile.

E non dite io sono educato, pulisco, sto attento, tampono, dirigo, controllo. Balle.
E con i maschi che hanno passato troppi anni tra le mura domestiche (=il wc lo pulivano mamma o colf) è anche peggio.

Sedetevi cribbio!