lunedì 2 ottobre 2006

Fenomenologia della raucedine poliposa da ufficio


Ciao ragazzi e ben trovati. Oggi è lunedì, cielo bigio, poca voglia.
La Valchiria sonnecchia in reception e io pure.

In compenso oggi abbiamo un ospite qui in ufficio. Chi se ne frega di chi è, è uno che si è seduto ad un desk libero, e che quando parla (al telefono o con noi) ha una voce sgranata, rauca, grattata, tipo quella che abbiamo la domenica quando ci alziamo alle 2 del pomeriggio dopo una nottata estrema (ognuno la intenda come vuole...!), manco avesse un polipone gigante avviticchiato alle corde vocali!

La cosa strana è che lui non è l'unico dei miei colleghi a presentare questo fenomeno di voce poliposa fastidiosa, e non solo di mattina – quando lo giustifichi pensando che si è appena alzato dal letto -, ma anche a pomeriggio inoltrato. L'ho notato in tante altre persone. Sono quelli che quando li senti parlare cominci a schiarirti tu la voce al posto loro, neanche il rospone te lo sentissi tu in gola, presente?

Ecco io credo che sia un problema dello stare in ufficio ("Ma va? Ormai per te ogni scusa è buona, Tengi, ammettilo!"). Davvero! L'abitudine costante a stare seduti rinsaccati e afflosciati su se stessi, a parlare a basso volume perchè quasi sempre al telefono e per non disturbare gli altri, fanno sì che il corpo non sia più abituato a produrre una bella voce limpida e stentorea, ma che si accontenti per far meno fatica di questi monosillabi sputacchiati, sdiaframmati e granulosi come quelli tipici delle RANE!... CRA CRA CRA

Pensateci: i muratori che qualche mese fa lavoravano sul mio tetto e che si facevano delle belle cantate non avevano di questi problemi! Chi lavora a contatto col pubblico e usa molto la voce per spiegare, argomentare, convincere, vendere, non ha di questi problemi!
Solo NOIIIIII, solo noi che stiamo seduti e che parliamo solo col PC!!!

Dico solo una cosa: che tristezza… ma siamo uomini o cimici?

E anzi visto che ci siamo: stiliamo una bella lista di malattie, problemi, affezioni varie che possiamo beccarci in ufficio e grazie alla vita che facciamo in ufficio... potrebbe essere una buona scusa per riconoscerle ed evitarle, che ne dite??? Ma prima, schiena dritta, una bella schiarita di voce, e diamo fiato alle trombe!!!

Etichette:

 
Di Tengi |

5 Commenti:

  Alle 10:43 AM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
Concordo pienamente sulle affezioni da ufficio.
Avrei solo da aggiungere semmai...
Parlo della formazione di adipe in qualsiasi parte del corpo in cui sia difficile da smaltire e dell'apatia devastante di certe giornate...
:D
  Alle 2:11 AM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
CIAOOO! Sono Lexla
Molto carino il blog.

:) Scusa se non ho scritto prima ma avevo il tempo ristrettissimo.
Cmq mi fa molto piacere leggere quello che scrivi.

Se non hai capito chi sono sono quella di: http://sonounacommessanonunasan.splinder.com

EHEHEH

In ufficio starai anche rinsaccato, ma non sai cosa darei, per un singolo giorno della mia vita, svegliatmi al mattino e pensare di andare al lavoro trovandomi davanti solo UN POVERO MONITOR SILENZIOSO E INCAPACE DI CHIEDERMI CORBELLERIE E INSULTARMI TUTTO IL GIORNO!!

LOOOOOL
A presto, se vieni a leggere da me nuovi clienti malati di mente ti attendono!
Auguri per il blog, molto carino.
  Alle 9:27 AM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Ciao Lexla,
è un onore averti sul nostro blog, altrochè! Certo che mi ricordo di te!

Ci sentiamo presto sui nostri rispettivi blog allora!
Grazie mille per il complimenti, detti da te ci fanno sentire ancora più orgogliosi!

A prestissimo
  Alle 3:04 PM Blogger BlackMamba ha fatto una pausa per dire:
Ehhh..non sai che vantaggio poter accedere ad internet, invece!
Se non altro, per poter postare quasi in tempo reale gli avvenimenti salienti che occorrono.
Purtroppo da noi vige la politica del "solo i dirigenti ed i gestori possono" ('tacci loro)
Infatti,nel nostro blog viene tutto documentato in differita, e l'entusiasmo si smorza, te lo assicuro.
Vieni a trovarci, se ti va..ti consiglio in particolare questo post:
ALCATAST,vita da carcerati: Voci di corridoio
(puoi trovare l'audio originale nel lettore musicale alla voce the original sproloquio)
Buon cazzeggio e buon week end!
  Alle 7:05 AM Blogger Marcello ha fatto una pausa per dire:
Io colgo l'occasione e aggiungo una seria deformazione fisica che ha il mio collega dietro di me .. il tailandese. A forza di gaurdare il computer, non gli si è piegata la schiena .. no, quella è rimasta "quasi" dritta .. si è piegato il collo, così, se lo guardi di profilo, la testa e la spina dorsale non sono allineati: la prima ha ceduto in avanti, spostandosi dalla linearità di una decina di cm .. come dire, sembra una testuggine. Sono impaurito: diventerò così anche io?