venerdì 20 ottobre 2006

In pillole: pezzi d'ufficio in bagno

Sapete che in questo periodo sono a Roma.
Qui nel palazzo - 18° piano - il bagno consta di un antibagno e del bagno vero e proprio.
Entro nell'antibagno.
Dal bagno esce una che mi guarda con due occhi così e le si legge in faccia "Ma che sfiga proprio adesso deve entrare al cesso 'sta qua..." Il suo sguardo è tra il triste e il supplichevole.

Mi dice a voce bassa "Ecco... Auguri."
Aggiunge qualcosa e io capisco solo: "... schifo..."

Non faccio in tempo a realizzare che sento un'odore terribile provenire dal bagno...
-___-
Capisco subito ogni cosa e la sollevo dall'imbarazzo evitando considerazioni a voce alta.
Mi fiondo a testa bassa dentro la nube tossica.
Domanda: sarà stata lei? O forse la povera si era trovata in quella situazione per colpa di un'ignota ed era imbarazzata in quanto non poteva far nulla per allontanare da sè ogni sospetto?

Dubbi d'ufficio

Etichette:

 
Di Tengi |

2 Commenti:

  Alle 2:58 PM Anonymous stakanov ha fatto una pausa per dire:
madò, secondo me è stata lei e l'ha buttata in caciara così...
  Alle 10:19 AM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
MM, io le darei il beneficio del dubbio... Se non è stata lei è una situazione imbarazzante.