venerdì 8 giugno 2007

Telelavoro

Nelle multinazionali americane si usa spesso lavorare da casa. E' una pratica comune e universalmente accettata, in quei giorni in cui non sono previste riunioni o incontri importanti. Tipicamente lo si fa di venerdì, unendo l'utile al dilettevole. Si risparmia tempo e danaro per gli spostamenti in auto o coi mezzi. Si lascia al dipendente l'illusione di avere una vita sua.
La mia azienda ci tiene ad assomigliare ad una multinazionale americana. E così anche qui da noi la pratica del lavoro da casa è delicatamente concessa in alcuni sporadici casi.
Io oggi l'ho fatto. Con sfacciataggine. Dato che ho il pomeriggio di ferie, mi sono chiesta per quale motivo dovrei sbattermi sbattermi fino in sede per poi tornare indietro dopo tre ore per prendere un treno. Per nessun motivo. E infatti.
E così son qui al mio tavolo che telefono e scrivo mail in mutande e ciabatte, con l'asciugamano in testa. Ho lavato i capelli stamattina.
E ho appena deciso che adesso scendo a farmi la colazione dei campioni al bar sotto casa. Gli schiavi son tutti al lavoro e il bar sarà deserto. Che meraviglia. Posso anche sedermi a leggere un quotidiano. Posso concedermi una timida passeggiata di cinque minuti per il parchetto, con le mani incrociate dietro la schiena, come un pensionato. Tirare un bastone al primo cane che passa, fare una carezza ad un bimbo, guardare il sole in faccia, pestare una cacca.

Quanto apprezzerei tutto ciò se non fossi costretta tra quattro mura per otto ore al giorno tutti i giorni?
Ma soprattutto, quanto devono essere inguardabili alcuni miei colleghi quando lavorano da casa in ciabatte e mutande?

Etichette:

 
Di Tengi |

15 Commenti:

  Alle 10:49 AM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Ciabatte, calzoncini corti, maglietta enorme e un enorme sciarpa di lana perché stamattina (giorno libero) c'ho un attacco gigante di cervicale.
Lavoro, ma cincischio, perché mi sono ricrodata di aver regalato tutti i li bri a un alunno arrivato a scuola un mese fa, e come faccio a preparare i compiti delle vacanze se non ho i libri?
Però. Ti prego, non diffondere troppo questa idea.
Se mi ritrovo a casa il marito con il telelavoro, dopo una settimana mi leggi sui giornali...
  Alle 11:16 AM Anonymous Spora ha fatto una pausa per dire:
Attenzione all'accoppiata ciabatta-pestaggio cacca. Non mi sembra astuta.
  Alle 12:06 PM Anonymous Paolo ha fatto una pausa per dire:
Sono un pò contrario al telelavoro se non in casi particolari.
Il lavoro d'ufficio da comunque la possibilità di avere un minimo di vita sociale.
Sono un tipo malinconico e non mi piace vivere da solo, figuriamoci se dovessi lavorare chiuso in casa tutto il giorno.

Mi suiciderei nel giro di una settimana....
  Alle 12:11 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
sono anche io una tipa tendente alla malinconia... quindi in fondo appoggio l'idea di paolo
monicabionda
  Alle 12:13 PM Blogger Velenero ha fatto una pausa per dire:
@Paolo: sì, ma dipende anche dal tipo di vita sociale... essere costretti nello stesso ufficio per otto ore al giorno con dei colleghi beoti come i miei è usurante... sarebbe meglio la solitudine della propria casa...
  Alle 12:17 PM Anonymous Paolo ha fatto una pausa per dire:
@Velenero: se il tuo lavoro o i colleghi sono cosi insopportabili allora meglio cambiare aria. Ma non mi sembra il caso di chiudersi da soli in casa otto ore al giorno...
Lavoro nel settore informatico da 10 anni e quindi so bene che esistono tecnologie che consentirebbero il telelavoro ad almeno il 30% degli impiegati, ma credo che con un strumenti di questo tipo aumenterebbero i depressi....
  Alle 12:27 PM Blogger S.B. ha fatto una pausa per dire:
Lavoro spessissimo a casa. Tengi, tu sei parecchio elegante per una lavoratrice casalinga !! Lasciati andare di più, non essere così formale :-D
  Alle 1:22 PM Blogger AmosGitai ha fatto una pausa per dire:
Il mio caso è ancora più emblematico. Lavoro per una grossa società di telecomunicazioni (la più grossa... diciamo), e tutto quello che faccio, lo faccio da remoto. Mi spiego per i profani: la mattina arrivo in ufficio, collego il mio portatile in rete e mi connetto (se necessario) a sistemi che si trovano in altri luoghi o addirittura in altre città. Leggo le mail per eventuali attività e telefono per risolvere dei problemi. Bene queste attività, le faccio in ufficio, le faccio del casso di casa mia... beh... non cambierebbe nulla! Per contattare le persone in ufficio utilizzo MSN anche se sono nell'altra stanza... dunque? Questo è confermato dal fatto che faccio anche reperibilità (ho un telefono notte e weekend) ed intervengo in caso di necessità. Questo non significa che devo correre in ufficio, ma semplicemente aprire il portatile (o il palmare) ovunque mi trovo e fare lo stesso che faccio in ufficio...
Aggiungo altro???

Il mio blog sul cinema e viaggi: sei invitato!
  Alle 3:32 PM Blogger Marci ha fatto una pausa per dire:
I tuoi post stanno diventando come le puntate dei Simpson: cominciano da una parte e vanno a finire chissà dove!!
  Alle 3:36 PM Blogger Ginevra ha fatto una pausa per dire:
beh un paio di giorni alla settimana di telelavoro secondo me migliorerebbero la qualità della vita degli impiegati.
Ad esempio la gente non interromperebbe ogni 3 minuti con domande stupide ma ci penserebbe un attimo prima di mandare una mail.
Meraviglia delle meraviglie!
  Alle 10:33 AM Anonymous ciccio ha fatto una pausa per dire:
secondo me da noi il telelavoro non attecchisce perchè i capi vogliono sempre tenere sotto controllo i dipendenti, e non sopportano l'idea (vera a volte, sbagliata altre) che cazzeggino a casa loro. è una questione di diffusa sfiducia preventiva.
bastardi come sono, potrebbero ovviare con le webcam: secondo me, con una tenuta così, il tuo capo ti lascerebbe a casa ogni giorno :D
(la vita d'ufficio è logorante se vi abbondano gli idioti)
  Alle 11:14 AM Blogger Anathea ha fatto una pausa per dire:
Ma hai ragione! E' proprio vero... Dovrebbe essere una occasione per rilassarsi e, con ciò, essere più produttivi, non trovi?

Buona giornata
A.
  Alle 6:59 PM Anonymous Antonella ha fatto una pausa per dire:
io non mi laverei nemmeno...
non mi sembra una cosa positiva...
forse c'è uan gestione migliore del tempo... ma vengono meno tante cose...
tipo odiare i colleghi!!!
  Alle 7:15 PM Anonymous maldive ha fatto una pausa per dire:
Quoto Paolo, il telelvoro è alienante...a me non piacerebbe affatto, e lo dico dopo un anno di convivenza con un collega che odiavo!!
  Alle 11:04 PM Blogger MOZ ha fatto una pausa per dire:
Dopo qualche giorno di telelavoro, chiuso in casa e senza vedere nessuno, mi taglierei le vene dalla depressione.