lunedì 11 giugno 2007

Un lunedì da leoni

Oggi è lunedì.
Venerdì scorso facevo la splendida su questo blog perchè lavoravo da casa, giusto?
Bene, stamane esco di casa bella sciolta, faccio la colazione dei campioni al bar sotto casa, infilo la metro con City sotto braccio, entro nel vagone e sgomito come al solito per un angolino libero.
A metà strada mi rendo conto che ho lasciato il PC a casa. E in quell'istante mi rendo anche conto che è ufficialmente iniziata un'altra settimana di merda.
Questo scherzetto di tornare indietro con la metro salire in casa prendere il PC rimanere bloccata in ascensore riprendere la metro e arrivare sin qui mi è costato tre quarti d'ora di ritardo e una sudata immane sotto la mia bella polo bianca che mi sta tanto bene. E scusate la poca finezza ma con questa afa sudano persino le chiappe. Odio sudare e odio arrivare qui sudata.
Perchè è svilente essere imperfetti fuori, a meno che non ci si senta perfetti dentro. And this is not the case.

Etichette:

 
Di Tengi |

8 Commenti:

  Alle 3:48 PM Anonymous ciccio ha fatto una pausa per dire:
anch'io adoro le polo, ma quando c'è afa me ne porto una di ricambio. odio essere appiccicaticcio (finesse oblige)
  Alle 4:33 PM Anonymous Domiziano Galia ha fatto una pausa per dire:
E' una stagione di trionfi per Tengi: dopo gli Z-Awards e in vista dei VeronaBlogAwards a lei l'ambito concorso "Miss Maglietta Sudata".
  Alle 4:44 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
:-D
non mi hai mai visto e già mi conosci...
  Alle 5:22 PM Blogger S.B. ha fatto una pausa per dire:
la polo bianca con l'afa e con l'affanno ?? Ma organizzavano il concorso miss maglietta bagnata dell'ufficio ?? :-o
  Alle 5:54 PM Blogger Velenero ha fatto una pausa per dire:
@Domiziano: LOL! :D

@Tengi: io non ci credo a quelli che dicono di sentirsi perfetti dentro... per me fingono...
  Alle 7:45 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
l'importante è fingere bene.
  Alle 8:16 PM Anonymous Paolo ha fatto una pausa per dire:
Coraggio mio cara...

;-)
  Alle 7:11 AM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Io non sopporto quelli che fingono di essere perfetti fuori.
E ci riescono così bene.
Dopo la grandinata di ieri qui si possono fare le scale di corsa (io di solito dimenti co le chiavi della macchina, e i fazzoletti, e il cellulare e il portafoglio, ma dopo tre o quattro volte su e giù mi ritrovo con tutto)