domenica 5 agosto 2007

Molte delizie e sempre la solita croce

Ieri sera all'Arena di Verona è andata in scena la prima rappresentazione di "Traviata", per la regia di Graham Vick.
Tra allestimenti visionari e mancate visioni, qui* potete leggere il punto di vista di Tengi, che ieri sera era là, tra gli spettatori dello sfortunato settore F. Il punto di vista di chi siede sui caldi gradoni dell'anfiteatro col proprio cuscino, litiga col vicino di posto per guadagnare qualche centimetro in più di spazio, soffre pazientemente il caldo per tutta la durata della rappresentazione, solo per piacere di udire le celeberrime arie verdiane. Che ieri sera sono mancate per qualche minuto.
Poi ecco, se volete leggere anche il punto di vista di chi stava placidamente seduto nel settore riservato alla stampa, lo trovate qui.
* anche qui.

Etichette:

 
Di Tengi |

6 Commenti:

  Alle 11:31 AM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Grazie :-)
(mi è parso d'esserci)
  Alle 1:29 PM Blogger chicca2007 ha fatto una pausa per dire:
ho ben presente gli scalini bollenti!
L'anno scorso sono stata a un'opera, anzi doppia: i Pagliacci e Cavalleria rusticana. Settero E.
Bello, molto d'atmosfera specie on tutte le candeline accese...
Pero' un mal di chiappe!
  Alle 3:07 PM Blogger S.B. ha fatto una pausa per dire:
Insomma.. portarsi un cuscino da casa è una buona idea ! :-)
  Alle 4:29 PM Blogger chicca2007 ha fatto una pausa per dire:
io il cuscino ce lo avevo....
meglio anche 2!!!!
  Alle 8:22 PM Anonymous Mitì ha fatto una pausa per dire:
Brava! :-*
  Alle 4:49 PM Blogger majorTom ha fatto una pausa per dire:
Eh, che sorpresa!
E adesso come faccio a parlarti di musica Rock?