venerdì 4 aprile 2008

Mia madre non lo deve sapere

Dunque. Funziona così. Giorgio mi chiama e mi fa: “Devi recensire un pornazzo”. E io: “Ok”. E lui: “Un film della Breillat con Rocco Siffredi”. E io: “Sospetto che sia un pacco”.

Titolo italiano: Pornocrazia. Titolo francese: Anatomie de l’enfer. Sarà una divertente parodia girata a Palazzo Chigi, o piuttosto l’equivalente hardcore de "La corazzata Potemkin?

[Continua a leggere la recensione su Mentelocale.it]

Etichette:

 
Di Tengi |

10 Commenti:

  Alle 5:42 PM Anonymous LCL ha fatto una pausa per dire:
Ma si vede l'enorme pene?
  Alle 5:50 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
secondo te?
  Alle 5:55 PM Blogger Brian ha fatto una pausa per dire:
Brava Tengi un pezzo capolavoro di rara bellezza.., meriterebbe delle testate più importanti...

Baci
Brian
  Alle 2:12 AM Anonymous giorgio ha fatto una pausa per dire:
Testate più importanti lo dici a tua cugina -____-
  Alle 7:36 AM Blogger Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Grande recensione. Fa persino venir voglia di andare a vederlo :-)))
  Alle 10:25 AM Blogger Brian ha fatto una pausa per dire:
Ahaha...perdonami Giorgio..Ops..Gaffe...
  Alle 2:30 PM Blogger Felipegonzales ha fatto una pausa per dire:
Sono convinto che i porno non hanno niente a che fare con il cinema e l'arte. Sono porno. Servono ad eccitarsi. Punto.
  Alle 5:29 PM Anonymous Alessandro ha fatto una pausa per dire:
insomma, noi di blogwars ogni volta con l'elmetto a fare lo sporco lavoro sui film impegnati e/o malriusciti, e questi due a divertirsi con i pornazzi... :-)
  Alle 5:52 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
beh, sai c'è chi può :-)
  Alle 2:34 PM Anonymous Alessandro ha fatto una pausa per dire:
mah, io "può" :-)