lunedì 16 luglio 2007

Spalle bruciacchiate

Di ritorno dal mare ho qualche osservazione.
In spiaggia.

E' difficile riuscire ad addormentarsi, almeno per me che soffro parecchio il caldo. Ogniqualvolta che il sonno mi vince e riesco finalmente ad assopirmi, immancabilmente qualcuno lì vicino sente il bisogno di urlare qualcosa.

mammaaaaa vieni a vedereeeeee
mariaaaaaa, dove sono i bambini?
cosimo! esci subito dall'acqua!

La spiaggia istiga le persone all'urlo.
E al broccolaggio.

Timidi tentativi di abbordaggio da parte di quarantenne milanese divorziato (e noiosissimo) su trentacinquenne torinese separata (e non troppo imbarazzata).
Lui parla a raffica col suo tono monocorde (e mi sveglia, anche se non urla). Gli argomenti spaziano dalla gestione dei figli in regime di separazione al desiderio impellente di concedersi una vacanza da soli, senza pargoli al seguito. Lei ha delle remore, sai com'è, non ce la fa a lasciare i bambini. Lui le dice devi pensare anche a ritagliarti un po' di spazio per te, è sufficiente rompere il ghiaccio una volta, poi i bambini si abituano: sai, non è giusto che tocchi sempre e solo alla madre occuparsene; vedi me ad esempio, domani parto. E lei chiede curiosa: ah si, e come fai coi bimbi? Li lascio alla madre, dice lui.

Sul far della sera, al momento di lasciarsi, lui le strappa la promessa di risentirsi presto. Ahssi, che bello, ma come possiamo fare? Ti scrivo una mail dice lui. Si certo, dice lei, la mia mail è acquisti chiocciola lamiaazienda punto ittì! Non è consigliabile, dice lui, e se il tuo datore di lavoro vede che usi la mail per scopi personali? Sai non vorrei farti passare un guaio. Accidenti forse hai ragione, dice lei è più prudente se evito di usare la mail aziendale. E lui propone: se hai da scrivere mi puoi lasciare il tuo numero, così evitiamo la mail che sai può darti problemi. Eh si ma, dice lei, come si fa, non ho penna. La penna la recupero io, fa lui, non è un problema, una penna la troviamo qui in giro. Eh, già certo, dice lei, la recuperi: ma dove? Senti, dice lui, se ti va ho qui il cellulare, mi dai il numero e io ti squillo e ti lascio il mio. Se ti va.

Li lasciamo così, come due quindicenni ciascuno col capo chino sul proprio display.

E la gioia di trovare un baretto con televisione per vedere il moto GP alle 2 si tramuta in cocente delusione alla caduta di Rossi, dopo neanche 6 giri.

Etichette:

 
Di Tengi |

14 Commenti:

  Alle 3:41 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Cioè, fammi capire, noi qui a soffrire per la mancanza di post e tu a sbruciacchiarti al mare assistendo in diretta alla penultima puntata di "Spiagge sole e senza padrone", seguita da uno studio sul comportamento del maschio ex-sposato (documentario del famoso RealHistoryForTengi Channel)?
Senza nemmeno comunicarci (completezza dell'informazione) il numero del cellulare del milanèèès?
Ma... guarda... la caduta del Vale è stato il tuo contrappasso, sai?
  Alle 3:45 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
Ma come! io lavoravo per voi!
  Alle 4:45 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Oddio, che sciocca sono! Hai ragione! Non lo avevo guardato da questo punto di vista: insomma, mentre io stavo qui, nel catino della pianura padana, sole a picco e umidità all'85%, ventitrè camicie da stirare, tu ti sei sobbarcata la fatica di andare al mare, spaparanzarti al sole col rischio di bruciarti le gote, e ti sei sorbita il corteggiam(ilanes)ento, e tutto per raccontarci...
Grazie, grazie, grazie (come ho fatto a non capirlo prima!)
  Alle 5:02 PM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
che palle però quest'uomo, già in prima battuta: se ti do la mail aziendale è perché posso usarla, no?Già mi verrebbe l'ansia!

Estate-indiana
  Alle 5:49 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
caro Anonimo,
lei gli ha dato la (anonima) mail aziendale per toglierselo di torno. Lui scriveva, lei si faceva quattro risate con le colleghe ("venite a vedere il milanese che voleva cuccare in spiaggia!!") e spariva e lui non la trovava più.
Il fatto è che lui non c'è cascato e a passo di leopardo, strisciando sulla sabbia, si è avvicinato alla conquista del numero di cellulare.
Spero che lei abbia il blocco per i numeri indesiderati...
  Alle 8:48 PM Blogger S.B. ha fatto una pausa per dire:
Che teneri questi quindicenni di quarant'anni :-)
  Alle 8:49 AM Blogger Captain's Charisma ha fatto una pausa per dire:
Proprio una gran bella domenica, non c'è che dire ;-)
  Alle 9:05 AM Blogger MOZ ha fatto una pausa per dire:
L'ammmmore non ha eta'.
La cosa peggiore e' stata la caduta del Vale nazionale...
  Alle 9:37 AM Blogger majorTom ha fatto una pausa per dire:
Carino il siparietto.
Il quarantenne ero io e mò sto sutto l'ufficio della torinese.
Appena vanno a pranzo l'avvicino e le dico: "sai passavo di qui per caso e.....".
Che dite, ci crederà?

PS Vale Rossi devi da annartene.
  Alle 11:57 AM Blogger Velenero ha fatto una pausa per dire:
Pensa se il quarantenne o la trentacinquenne passano di qua e scoprono che gli hai donato l'immortalità facendoli diventare personaggi del tuo blog...

che cosa romantica...!
  Alle 12:14 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
chissà se l'ui l'ha richiamata...
in questo momento lui è in qualche villaggio a Sharm o roba del genere; ho i miei dubbi...
  Alle 1:57 PM Anonymous LCL ha fatto una pausa per dire:
Dì la verità: eri tu la 35enne!
  Alle 2:49 PM Anonymous milla ha fatto una pausa per dire:
Non hai capito... tu ORA torni al mare e mi aggiorni su come sta proseguendo questa love story!
Troppo bello questo post :)
  Alle 10:50 AM Anonymous aphrodite ha fatto una pausa per dire:
l'ho vista pure io la caduta di Valentino... rischiavo di mollare una copiosa lacrimata sul divano...