martedì 10 giugno 2008

Giuste parole

Se esistano parole giuste e parole sbagliate in senso assoluto, ecco, io questo non lo so. Mi sembra che attribuire il senso di giusto o sbagliato alle parole (se si escludono le correzioni grammaticali) sia comunque presuntuoso.
Vero è che in questo ambiente esiste una cosa che si chiama "autorevolezza" che viene attribuita a persone ragionevoli che si sa che quando parlano non lo fanno per dar aria ai denti, per cui se un tipo "autorevole" dice che una cosa è sbagliata gli altri lo stanno a sentire e se dissentono al massimo gli scrivono Non sono d'accordo, ma rispetto la tua idea, di certo non gli dicono Che grossa cazzata che hai scritto, sei un pirla.
Ed io, che non sono per nulla autorevole, mi aspetto sempre che mi si mandi a cagare, e così mantengo il basso profilo e cerco di non dire cosa è giusto e cosa è sbagliato. Anche perché quando penso a cosa è giusto e cosa è sbagliato non riesco a relativizzare come giustamente fanno gli altri, ma ho la pretesa di pensare che la mia idea possa essere condivisa da tutti, e questo è sbagliato (e questa frase era in orgine scritta col "noi" al posto dell'"io", ma mi sono resa conto che era sbagliato, perché magari voi siete bravi a relativizzare, e beati voi, e allora ho modificato il soggetto).
Io ogni caso, il tutto è per dire che avrei tanta voglia di fregarmene e sparare qualche assoluta cazzata anche io, anche se non sono autorevole. O provarci, almeno. Un po' come quei timidi dei film, che quando arriva il cugino fico che li esorta a mollarsi fuori loro fanno un urletto soffocato mentre fingono penosamente di sbattere un pugno sul tavolo.

In fin dei conti, l'autorevolezza è una stronzata.
E il vento di ponente che si libra ogni tanto dai paraggi blogosferici è l'aria che ciascuno dà alla propria bocca.
Giusto o non giusto, scusate ma ora devo chiudere. Devo vedere una persona, un tipo a detta di tutti esuberante, anche se la parola giusta è arrogante. E il verbo giusto per questo lavoro è che Sfracella (le palle). E le parole giuste per farmi incazzare sono Fai come vuoi. E l'aggettivo giusto per certa gente è Sola. E il timore più giusto che si possa avere è quello che il proprio cervello vada in Atrofia. E il contesto giusto nel quale inserire questo monito è la Blogosfera. E la cosa giusta da fare è Ricordarselo ogni tanto e Farci i conti e Cagarsi addosso al pensiero che ciò accada.

E la parola giusta per quella tipa che venerdì mi ha fottuto le scarpe in palestra è Troia.

Etichette:

 
Di Tengi |

8 Commenti:

  Alle 7:46 AM Anonymous Squonk ha fatto una pausa per dire:
Venerdì?
  Alle 11:54 AM Blogger Bk ha fatto una pausa per dire:
ogni parola ha senso in un contesto..
direi che stavolta ci può stare!
  Alle 12:07 PM Anonymous Bloglavoro ha fatto una pausa per dire:
avrei detto 'ladra' ma data la tua autorevolezza accetto come più pertinente 'troia' :D
  Alle 1:28 PM Anonymous Annalisa ha fatto una pausa per dire:
Tutto giusto.
(tu per mei sei Autorevole e di cazzate non ne dici Mai)
  Alle 2:07 PM Blogger Tengi ha fatto una pausa per dire:
bloglavoro: di una autorevolezza che non usa eufemismi!

Annalisa: quando si dice una Affezionata Lettrice :-)
  Alle 6:17 PM Anonymous LCL ha fatto una pausa per dire:
Sono molto pratico: con che scarpe sei tornata a casa, poi?

Cosa se ne fanno di un paio di Adidas (?) puzzose e utilizzate?

A proposito, a me hanno rubato un casco, mi trovi un attributo per il soggetto?
  Alle 9:19 AM Anonymous Anonimo ha fatto una pausa per dire:
Giusta parola NOSTALGIA:

http://www.tapedeck.org/index.php

Collegandomi a di Mamma e Papà
  Alle 8:29 PM Anonymous La prof ha fatto una pausa per dire:
[OOOT] Mi han chiesto di citare cinque blog per un premio. Ti ho citata :-) Qui: http://laprof.splinder.com/post/17452995/Vual%C3%A0%21